lunedì 15 giugno 2009

Senza il trattino


Ci voleva. Lo aspettavamo da tempo ed è finalmente arrivato. L'ha annunciato Massimo D'Alema in tivvù e da ieri la politica italiana è cambiata. B. trema all'annuncio ed ha immediatamente convocato nel suo ufficio (rinviando un casting di soubrette per il Bagaglino) una riunione straordinaria del consiglio di amministrazione della Fininvest allargata a qualche ministro, due dirigenti RAI ed Emilio Fede (fuori aspettava l'avvocato Ghedini, nel caso ci fosse qualche cosa da fare in tribunale o andar giù al bar ad ordinare un aperitivo).
Ma cosa ha detto D'Alema? Ecco l'annuncio che ha sconvolto il quadro politico italiano: " L'alternativa al governo B. è la formazione di un grande partito di centro sinistra, senza il trattino". Un grande silenzio, pregno di pensieri, è calato nello studio televisivo e nel Paese: è stata inaugurata (finalmente!) la politica del "senza".

PS Ecco più o meno la faccia che ho (bloccata in un perenne sorriso, sarà una paresi?) dopo le dichiarazioni di D'Alema

4 commenti:

  1. Senza trattino nel senso di quello che si vocifera? LettaD'AlemaFiniCasini?

    RispondiElimina
  2. Az...che grande pensatore!!
    non c'è che dire...D'Alema ha il dono della sintesi, e ci sono voluti tutti questi anni di Berlusconi, per arrivare a queste considerazioni??
    Ora speriamo che seguano i fatti...chissà perchè mi viene da pensare A Bug's Life, ...
    vai D'Alema Flik che sei grande organizziamo le formichine operaie che si ribellino finalmente alle cavallette...
    si si ..costruiamo un macchinario :))))): "
    un Grosso uccello finto per fa paura alle cavallette.."!!
    ..facciamo nostro il moto: "Le formiche non sono serve delle cavallette, siete voi che avete bisogno di noi " e qui si cita Hegel...
    e ora mettiamoci pure un po di fantasia..che non guasta!!

    RispondiElimina
  3. La mia voglia di ridere non si è esaurita nel post che ho scritto, non riesco a fermarmi: mi si è bloccata la faccia come Joker-Nikolson quando dice la frase "famosa" che è il titolo di questo blog.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.