mercoledì 17 dicembre 2008

Andando a dormire con un libro di poesia, invece...

Mi sono addormentato con un libro di poesia appoggiato sulle coperte. Sono un tipo freddoloso e quindi gli strati di coperte son numerosi sul mio letto. Eppure il piccolo libro di Guido Ceronetti Trafitture di tenerezza è rimasto come "trafitto" al lenzuolo e non è caduto a terra. O forse sono io che la notte mi agito poco ed ho reso il suo compito più facile. La cosa, comunque sia, mi ha dato una certa soddisfazione: sapermi così intimo della poesia da passare l'intera notte a letto insieme...

1 commento:

  1. la poesia non è di quelle donne che "dopo" se ne vanno...
    ciao, marina

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.