mercoledì 7 gennaio 2009

Per i bambini di Gaza

ERODION
Immaturamente
Ombra
Qui posa.
La disfece nel suo sesto inverno
La Morte delittuosa.
Tu che il mio piccolo campo avrai
Dopo di me, chiunque tu sarai,
Alle sue magre manine darai
Il prescritto tributo d'anno in anno.
Stiano in perpetuo i tuoi lari,
Sulla tua gente non cada malanno:
Questa pietra di pianto
Resti nella tua terra
sola

Marziale, Epigrammi X, 61. Traduzione di Guido Ceronetti

Commento. Quella pietra, lo sappiamo purtroppo, non resterà sola. I Signori della guerra vogliono così. E' il vicolo cieco che hanno imboccato da tempo, fedeli ai loro integralismi, per vendicare i loro martiri, per difendere i loro bambini uccidendo quelli degli altri. Ciascuno pensa che la pace si potrà fare solo quando il nemico sarà annientato e si bruciano bandiere per mimare l'incenerimento del nemico. Tutti senza memoria.

4 commenti:

  1. come si fa una guerra con le pietre contro i carriarmati?

    RispondiElimina
  2. Gli islaeliani, con tutte le loro armi e teconologie e servizi segreti, non capiscono una cosa elementare: ammazzare tutti a Gaza non risolverebbe il problema.

    RispondiElimina
  3. grazie ancora Guglielmo, epitaffio migliore per quelle creature non avrei potuto trovare. E poi mi sono vietata ogni manifestazione di emozioni.
    Debbo dirtelo: in questi giorni così brutti le parole che mi servono le hai dette tu
    marina

    RispondiElimina
  4. @Marina. Sempre esagerata -:) Avrò vinto la cozza d'oro? -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.