lunedì 12 gennaio 2009

Quando finisce


Quando finisce un amore? Nessuno lo sa esattamente. Non è come accendere e spegnere la luce. Ce ne accorgiamo dopo un po', a volte non ce ne accorgiamo affatto. A volte facciamo finta che non sia finito. Mai e poi mai finisce, come dire, all'unisono: troppi controtempi e malintesi e silenzi e... Spesso di tutte queste alternative scegliamo la più tranquillizzante.
Quel consiglio di De André "ama e ridi se amor risponde / piangi forte se non ti sente" è più facile da praticare nella prima parte. Ti accorgerai quanto è sordo il disamore dell'altro e scoprirai, all'improvviso, che "è finito un amore". La luce era già spenta, ma non te n'eri accorto.

7 commenti:

  1. un anno fa avevo trovato questa poesia che non ricordo di chi fosse, ho dimenticato nel controlc di aggiungere l'ultima riga
    mi era sembrata così giusta nelle sue parole che volevo spedirla all'uomo che non amavo piu e che avevo deciso di lasciare, non l'ho fatto perche mi era sembrata troppo crudele, che peccato, forse avrebbe capito, mi dispiace non sia rimasta la punteggiatura, gli a capo, forse l'ho salvata come rtf e forse non è stato per caso, ciao francesca2

    "Il declino dell'amore che ho per te è cominciato pian piano, silenzioso, tra qualche lacrima e qualche urlo. Le tue fredde parole, che all'inizio ho fatto finta di non considerare,
    le ho lasciate cadere in profondità, nei meandri più nascosti della mia anima.
    Di tanto in tanto ritornavano a galla ed ogni volta,
    nella loro ridiscesa negli abissi, portavano con loro un pezzo del mio amore,
    un pezzo di te... si di quel poco che avevo di te rimane solo una briciola e questo mi dispiace enormemente perchè credevo in te, credevo nel tuo amore che cerco di vedere, cerco di sentire ma... niente."

    RispondiElimina
  2. Non credo che l'amore finisca, mai..credo diventi altro.
    Spesso il silenzio è un segnale..di una luce che s'è spenta, per un'altra che se n'è accesa.

    RispondiElimina
  3. Pensa che proprio ieri ho deciso che per un po' voglio parlare d'amore. E ora trovo questo post.
    Colpita soprattutto dai "controtempi", parola perfetta e carogna.
    Sai che questo scambio sulla fiaba mi ha fatto venire un'ideuzza?
    ci sto lavorando intorno, poi te la dico...
    marina

    RispondiElimina
  4. @francesca2. Una idea geniale quella di poter copiare la vita con un Ctrl+C e lasciar fuori un pezzettino (quello che infastidisce). Pia illusione.
    @Stefi. Un'altra alternativa: l'amore non finisce diventa altro. Una specie di "amore trasformer". Propenderei per mettere questa idea tra i ripieghi consolatori.
    @Marina Attendo stimoli. Sono un pigro attivissimo, ma ho bisogno di obiettivi e scadenze per mettermi in moto.

    RispondiElimina
  5. qualcuno molto vicino a me, dice che una amore finisce quando si smette di parlare, quando non si ha più voglia di spiegare, di capire e farsi capire dall'altro! inizia così una lenta discesa verso il disamore!
    Quando non riceviamo e/o non diamo più attenzione!!
    Attenzione ...
    l'amore è attenzione?
    In tutte le cose che amo e mi appassionano metto attenzione...quando smetto di farlo, e il momento in cui percepisco l'inizio del disamore...
    quanto gli altri smettono di essere attenti nei mie confronti è il momento in cui percepisco il loro disamore!
    perchè finisce? perchè è nell'ordine naturale delle cose ...ma ha ragione Stefi a dire che non "finisce nel vero senso della parola...non smettiamo d'amare, amiamo altro! il nostro potenziale d'amore si sposta su qualcos'altro!

    RispondiElimina
  6. @Stefi. Certo che tra due persone che si sono amate rimane sempre qualcosa e non è detto che sia solo rancore, rabbia o altri sentimenti negativi. Ma c'è una bella differenza tra l'amore e quel qualcosa d'altro che ne è nato. Si può avere nostalgia per l'amore che c'è stato prima, ma l'amore è tramontato e difficilmente può riprendere.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.