domenica 5 aprile 2009

Intrecci (per ora è una fotografia)



- Primo pensierino -

Lei - Non mi ami
Lui - Non direi, ti amo anch'io
Lei - Forse, ma non come ti amo io
Lui - Infatti io ti amo a modo mio


Commento. Ecco forse è questo uno dei problemi dell'amore. Non è (quasi mai) simmetrico. C'è sempre qualcuno che ama più dell'altro e che, naturalmente accusa il parter, proprio perché ama di meno, di non amare "abbastanza". Di qui si imbocca la strada delle recriminazioni infinite, dello stillicidio dei rancori, che portano inevitabilmente al disamore. Ma anche il disamore è asimmetrico e quindi...

- Si accettano persierini di ricambio -

4 commenti:

  1. ...per ora, è una bellissima fotografia. Chissà cosa ti ispirerà!
    Nell'attesa...un saluto

    RispondiElimina
  2. semmai non è quasi mai rispettoso della libertà di ognuno di amare a suo modo...
    infatti è bellissima la risposta di lui..io ti amo a modo mio!

    il problema sono le proiezioni....non si desidera l'amore dell'altro..quanto piuttosto il desiderio di essere amati a modo nostro!! e questo non è un problema di simmetria..forse piuttosto di un amore narcisistico!

    RispondiElimina
  3. x Janas. Si forse è come dici. Anzi direi che hai centrato. Il dialogo (inventato) non è molto lontano dalla realtà -:)

    RispondiElimina
  4. il tuo dialogo inventato è la quasi norma di tutti i rapporti, purtroppo!

    tutto nasce dal fatto che noi vorremo che gli altri ci amassero più di quando noi stessi siamo in grado di amarci..e sentirci amati!
    tutto nasce da questo!

    se noi ci amassimo totalmente, (e non di quel amore narcisistico malato) e il nostro amore verso l'altro non nascesse da un bisogno di soddisfare una nostra mancanza di amore...
    allora saremo in grado di accogliere tutto l'amore che ci viene donato così come viene, senza pretendere niente di più e tanto meno senza volerlo dirigere con l'assurda pretesa di dire agli altri come ci devono amare!

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.