mercoledì 15 aprile 2009

Un blog, due amiche

Leggo sempre, con grande piacere il blog S_carogne di Sara ed Erba, due ragazze pugliesi. E la cosa mi mette di buon umore. L'effetto è quello palliativo di chi va a vedere un film horror per poi tornare a casa e scoprire, rassicurato, che l'horror domestico non è poi tanto male. C'è però un guaio: chi frequenta questi generi ne fa un consumo compulsivo perché danno assuefazione e l'adrenalina dopo un po' non corre come dovrebbe. Con loro non c'è questo effetto collaterale: riescono sempre a spiazzare con le loro trovate. E il loro genere è la commedia sarcastica, un umorismo inglese se non fosse condito di forti odori e colori del Salento.
Sara è una precaria universitaria a vita, che lavora per arrotondare (o meglio questa forse è la vera fonte di reddito) in un ristorante come cameriera. Vive con due esseri umani e qualche animale per casa (le parti non sono ben definite: animali e umani se le scambiano spesso con esiti esilaranti). Erba ha una vita più "normale" (questa definizione mi potrebbe far appioppare uno "stronzo", ma loro non mi leggono), con una famiglia e due figli. Non ho capito esattamente (forse sono distratto io) cosa faccia di mestiere, forse non importa molto. Nemmeno a lei.
Le due sono ferocemente amiche da una vita con tutti gli scazzi annessi e connessi. Hanno scritto un libro (LA CREATURA, la chiamano, come un bambino) a quattro mani che è stato presentato a svariati editori con scarsi risultati editoriali e divertenti serate nei più improbabili ristoranti del sud. Se solo ci fosse in questo libro 1/5 dello spirito che mettono nel loro blog sarebbe da leggere subito. Temo che non lo leggeremo mai, visto quale è lo stato della editoria oggi in Italia e l'attenzione che rivolge ai giovani autori. Ma forse la loro maggiore vocazione sta proprio nella sceneggiatura: le vedrei bene come autrici feconde di teatro, di cinema e di TV (nell'ordine). Continuate così.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.