domenica 12 aprile 2009

Ma dove erano ?

Ora la Procura di L'Aquila indaga sulle responsabilità di chi ha costruito opere pubbliche (Ospedale, Prefettura, Palazzo del Governo, Palazzo della Provincia ecc) non rispettando le norme antisismiche e crollati o resi inagibili in gran parte dal recente terremoto. Ci sono stati persino studi (progetto SAVE – Strumenti Aggiornati per la vulnerabilità sismica del patrimonio Edilizio dei sistemi urbani) finanziati da alcune regioni (Molise, Puglia, Abruzzo) e dalla Protezione Civile per valutare questi problemi che hanno prodotto già dal 2002 volumi documentati e puntuali.
Una domanda sorge spontanea: che ha fatto la Procura della Repubblica dal 2002 fino ad oggi?

PS Immagine. Volevo mettere un'immagine che non ho trovato. Ve la racconto. Su un'alta scogliera sono schierati uomini in abito talare (vescovi , cardinali, papi) e civili. Guardano archignamente giù sulla spiaggia la lotta di feroce di due scorpioni impegnati in un duello mortale. La ricordo come una immagine di un vecchio film di Louis Bunuel intitolato L'âge d'or. Potrei sbagliarmi, ma non credo.

5 commenti:

  1. DORMITO!!!
    QUESTO HANNO FATTO FIN'ORA, CARO GUGLIELMO, HANNO DORMITO.
    E CONTINUERANNO A FARLO....
    ASPETTA CHE LA NOTIZIA SIA MENO FRESCA E TUTTI TORNERANNO A FARSI I CAVOLI LORO.
    VOGLIAMO PARLARE ANCHE DELLE ALTRE ZONE SISMICHE? DEL SUD? A CHI CAVOLO VIENE IN MENTE DI ACCERTARSI DI AGIBILITA' E RISCHI? SIAMO TUTTI IN PERICOLO E LA TERRA CI HA AVVERTITO IN MILLE MODI E CONTINUA A FARLO.....
    MA RICORDIAMO CHE SE PRIMA NON MUOIONO 2000 PERSONE...A NESSUNO VIENE IN MENTE D'INTERVENIRE....
    SE PENSI SOLO AL FATTO CHE QUANDO UN POVERO CRISTO QUALUNQUE SI AZZARDA A COMUNICARE ALLARMI LO PRENDONO PER PAZZO IDIOTA.....
    QUESTO DOVREBBE CHIARIRE LE IDEE DEL "SIAMO NELLE MANI DI"
    E LA RISPOSTA E' SEMPRE UNA:
    "NESSUNO".

    RispondiElimina
  2. Dov'erano? Erano là! Sono sempre là! Al potere! Senza etica, né ragione, né vergogna! E gli altri poteri intorno a loro, conniventi, complici, impressionanti nel loro potere derivato e immenso!
    A volte il dolore per la costatazione di ciò è così forte che sto fisicamente male.
    Un saluto affettuoso a tutti, vorrei dire "senza rassegnazione" ma adesso non mi è possibile.

    RispondiElimina
  3. Dove, e come, erano... e dove, e come, sono. Magari hanno cambiato luogo, e chi non c'era ora c'è: ma come? In caso, se li si individua, si potrebbe mandarli... a fare i loro interessi altrove.

    RispondiElimina
  4. Unanime il giudizio. Grazie e ciao a tutti.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.