venerdì 31 ottobre 2008

Gioco d'azzardo di Paolo Conte



C'era fra noi un gioco d´azzardo
ma niente ormai nel lungo sguardo.
Spiega qualcosa, forse soltanto
certe parole sembrano pianto,
sono salate, sonno di mare
chissà, tra noi, si trattava d´amore.


Ma non parlo di te, io parlo d´altro
il gioco era mio, lucido e scaltro.
Io parlo di me, di me che ho goduto,
di me che ho amato e che ho perduto
e trovo niente da dire o da fare
però tra noi si trattava d´amore.


C´era fra noi un gioco d´azzardo,
gioco di vita, duro e bugiardo.
Perché volersi e desiderarsi
facendo finta di essersi persi
Adesso è tardi e dico soltanto
che si trattava d´amore, e non sai quanto.


Commento. C'era tra noi...

2 commenti:

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.

Ottobre 1943, il Vesuvio si sveglia al rumore dei bombardamenti

Pensierino . Il Vesuvio ne ha viste tante sotto di sé ed ogni tanto anche lui fa sentire la sua voce potente che sovrasta il rumore ...