lunedì 23 marzo 2009

Cecilia Bartoli - Vivaldi - Bajazet - Sposa son disprezzata

(La musica che ascoltate in sottofondo)
"Sposa son disprezzata" libretto di Agostino Piovene.

Sposa son disprezzata,
fida son oltraggiata,
cieli che feci mai?
E pur egl'è il mio cor
il mio sposo, il mio amor,
la mia speranza.
L'amo ma egl'è infedel
spero ma egl'è crudel,
morir mi lascierai?
O Dio manca il valor
valor e la costanza.

Commento. Il preludio a questa cantata ci conduce lentamente e solennemente in una attesa piena di tensione emotiva e di rassegnata premonizione di eventi tragici. Dalle prime parole capiamo subito che l'argomento è l'amore non corrisposto, il tradimento, la sofferenza d'amor.
La sposa è "disprezzata" perché non più amata, mentre lei ama ancora. La sua disperazione è capire che il suo amore è inutile.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.

Nella terra dei Gattopardi

«Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi.», così scriveva Giuseppe Tomasi di Lampedusa ne "Il Gattopardo". I...